28-02-2017

Accesso Utenti






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
benvenuto

  

   la nostra filosofia 

diario 

__________________ 

  @vviso ai naviganti

   sono graditi suggerimenti, critiche, osservazioni e quant'altro possa contribuire a migliorare il sito

   (scrivere a: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo )                                                            grazie

____________________ 

  Utilità

- fattura avvocati

parcelle - parametri civili 2014  

- parcelle - parametri penali 2014 

- calcolo nota spese vecchia Tariffa civile 

- scorporo importi 

_____________________

novità:

Il diritto al pagamento degli interessi legali maturati contro l’A.G.E.A. sugli importi dovuti in linea capitale per aiuti comunitari (magazzinaggio lunga durata; arricchimento)

Fermo amministrativo e autorità statali  (T.A.R. Veneto, sez. II, nella sentenza del 05 marzo 2014 n. 288)

L’Azione di risarcimento danni nel codice del processo amministrativo  Relazione tenuta ad Andria (presso la Sala Chiostro San Francesco) il 25 novembre 2010 nel seminario di studi sul codice del processo amministrativo organizzato dall’Associazione degli avvocati andriesi (testo)

- Il Consiglio di Stato ribadisce con fermezza la prevalenza del metodo di assunzione per scorrimento di graduatoria di concorso valida ed efficace rispetto alla mobilità esterna (Cons. Stato, Sez. V, 31 luglio 2012, n. 4329).   

- Leggi articolo: La decisione di scorrimento della graduatoria deve prevalere sulla mobilità esterna

- La dequotazione della motivazione formale nel provvedimento amministrativo trova reiterata ed espressa conferma nella giurisprudenza del Consiglio di Stato nonostante l'art. 3  L. n. 241/90 (Cons. Stato, Sez. IV, 6 luglio 2010, n. 4331)

- Ancora sull'attenuazione del divieto di motivazione postuma (Cons. Stato, Sez. VI, 03 marzo 2010, n. 1241)

- La graduatoria vigente di un concorso pubblico prevale sulla stabilizzazione dei precari    (Cons. Stato, Sez. V, 26.10.2009, n. 6536)

- Il caso "Punta Perotti": La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna l’Italia a responsabilità civile da sentenza, ma si contraddice: confisca arbitraria e demolizione ammissibile

- Filiazione naturale, disconoscimento della paternità, test ematologico e genetico (Cass. civile, sez. I, sentenza 06.06.2008 n. 15088 )

-   La delibera che apre il giudizio disciplinare è impugnabili dinanzi al Consiglio nazionale forense ex articolo 50 del Rdl n. 1578/33 Cass. civ., Sez. Un.,  Sentenza  15 Dicembre 2008 , n. 29294

-  Il "fatto" come limite al potere discrezionale di qualificazione delle zone omogenee ex  D.M. 1444/1968         di Antonio Guantario (novembre 2008)

-  La conflittualità tra i coniugi separandi non osta all'affidamento condiviso Cass., Sez. I Civile, 18 giugno 2008, n. 16593

-   L'indennizzo al valore venale si applica anche per i giudizi pendenti ed ancora non definiti. E' escluso il potere-dovere del giudice di indagare d'ufficio, anche mediante c.t.u., sui presupposti per applicare la riduzione ai fini dell'ICI (Corte di Cassazione, Sez. I Civile - sentenza 30 ottobre 2008 n. 26112 - Pres. Losavio, Rel. Salvago -).

-  E' incostituzionale l'art. 30 L. R. Puglia n. 10/2007 con cui la Regione Puglia ha disciplinato la stabilizzazione dei cc.dd. precari della sanità? Cons. Stato, Sez. V, ordinanza 02 ottobre 2008, n. 4770

- Della Responsabilità Civile diretta verso i terzi dei Dirigenti Comunali (Criteri di imputazione e giudice del giudizio risarcitorio)  Antonio Guantario (22.10.2008)

-  E' incostituzionale la legge finanziaria 2007 lì dove per la stabilizzazione dei precari fa decorrere il quinquennio per la maturazione dei tre anni di servizio dal 1° dicembre 2002? Cons. Stato, Sez. VI - ordinanza 13 maggio 2008 n. 2230

-  Nuove norme sull'azione collettiva risarcitoria a tutela dei consumatori Class Action (Azione collettiva)

-  Il danno da occupazione acquisitiva va risarcito al valore venale C. Cost. 24.10.2007, n. 349

-  Illegittimità costituzionale della c.d. "ficta confessio" per mancata o tardiva notifica della comparsa di costituzione nel processo societario C. Cost. - sentenza 12.10. 2007 n. 340

-  approvato definitivamente il drag in Puglia

Deliberazione della Giunta Regionale Puglia del 3 agosto 2007, n. 1328 [Approvazione definitiva del “Documento regionale di assetto generale (DRAG) – Indirizzi, criteri e orientamenti per la formazione dei piani urbanistici generali (PUG) – Legge regionale 27 luglio 2001, n. 20, art. 4, comma 3, lett. b) e art. 5, comma 10 bis, adottato con Deliberazione di Giunta regionale 27 marzo 2007, n. 375]


Pubblicazioni dell’avv. Antonio Guantario

- La decisione di scorrimento della graduatoria deve prevalere sulla mobilità esterna (Cons. Stato, Sez. V, 31 luglio 2012, n. 4329) (agosto 2012)

- La decisione di coprire posti vacanti è discrezionale: una volta assunta lo scorrimento della graduatoria vigente è doveroso (Cons. Stato, Sez. V, 26.10.2009, n. 6536) (settembre 2010)

- Il caso "Punta perotti" (febbraio 2009)

- Il fatto come limite al potere discrezionale di qualificazione delle zone omogenee ex D.M. 1444/1968 (novembre 2008)

- Della Responsabilità Civile diretta verso i terzi dei dirigenti comunali (criteri di imputazione e giudice del giudizio risarcitorio) (28.10.2008)

- La sentenza del TAR Lazio sul caso “Speciale” e la visione formalistica dell’eccesso di potere come “utile surrogato dell’accertamento dei fatti” (commento a TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 15 dicembre 2007 n. 13361) (Gennaio 2008)

- Incostituzionalità delle competenze risarcitorie nella Giurisdizione su Interessi Legittimi

- Giudice amministrativo e commissario ad acta per lo scandalo dei seggi vacanti in Parlamento

- Profili giuridici dei fantasmi In Parlamento e tutela del Giudice Amministrativo

- Dequotazione della motivazione e provvedimento amministrativo

 

 OSSERVATORIO (rubrica di documentazione e analisi giuridica)

Distinzione tra azione realeazione risarcitoria di danni (per equivalente e/o in in forma specifica)  nell'ambito della tutela ex art. 844 c.c. contro le immissioni intollerabili (Trib. Genova, Sez. III, 18.11.2005)
Disposizioni in tema di compensi, numero e nomina degli amministratori di società partecipate da enti locali (Circolare 13 Luglio 2007 della Presidenza del Consiglio dei Ministri)

ammissibilità della tutela costitutiva ex art. 700 c.p.c. in materia di servitù coattiva Ord. Trib. Genova, Sez. III, 27.04.2007

Criteri di opinamento per note (a cura dell'Ordine degli Avvocati di Bologna)  

- Regolamento  per la formazione professionale continua degli Avvocati (approvato dal CNF il 13 luglio 2007). Abbiamo allegato alcune domande e risposte. Segue: Relazione illustrativa al Regolamento (licenziata dal CNF il 20.09.2007 con Circolare n. 30.C-2007)

-Tribunale di Roma ordinanza ex art. 700 c.p.c. del 17.03.2006 L’erronea indicazione del nominativo sull’elenco telefonico abilita l’utente ad ottenere in via urgente l’ordine  di ristampare su foglio adesivo la pagina relativa dell’elenco telefonico, inserendo l’esatta indicazione relativa all’utenza telefonica e distribuendola a tutti gli abbonati della provincia


GIURISPRUDENZA IN PRIMO PIANO

 Giustizia amministrativa

L’art. 21-octies, comma 2, l. 7 agosto 1990, n. 241, non delinea un meccanismo di eccezione processuale in senso stretto e il giudice amministrativo deve sempre valutare d’ufficio se ricorrono le circostanze della disposizione Cons. Stato, Sez. V, 17.09.2008, n. 4414

Il Consiglio di Stato attenua il divieto di motivazione postuma e reitera e conferma espressamente la dequotazione della motivazione formalizzata nell'atto

Cons. Stato, Sez. IV, 6 luglio 2010, n. 4313 (Ove la decisione amministrativa risulti motivata, nel senso giuridico e nella decisione tecnica, dalla lettura non del solo provvedimento, ma degli atti del procedimento comunque noti o conoscibili dal privato, le doglianze sul difetto di motivazione dell’atto conclusivo non possono essere accolte. La valutazione della sopravvenuta importanza dell’intero iter procedimentale rispetto alla motivazione come fatto interno dell’atto appare quindi del tutto consona con le più aggiornate letture dell’agire amministrativo, dove il reale momento decisionale non sempre coincide con il provvedimento finale, quando questo si limita unicamente ad esternare l’esito della decisione. Le norme sul procedimento in concreto, imponendo l’acquisizione di determinati fatti o di interesse, le modalità di ponderazione degli interessi, i criteri di giudizio, ecc., svolgono quindi una funzione che non è di mera regolazione del modus operandi, ma incidono nel contenuto stesso del provvedimento finale, che è connotato e denotato dalle scelte operate nelle fasi precedenti.)

Cons. Stato, Sez. VI, 03 marzo 2010, n. 1241 (non può ritenersi che l'amministrazione incorra nel vizio di difetto di motivazione quando le ragioni del provvedimento siano chiaramente intuibili sulla base della parte dispositiva del provvedimento impugnato e se è innegabile che il primo periodo del comma 2 dell'art. 21 octies L. n. 241/90 contempli il caso che "per la natura vincolata del provvedimento sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato", è anche vero che il successivo periodo ammette la possibilità che "l'amministrazione dimostri in giudizio che il provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato", con implicito riferimento ad atti, almeno astrattamente, diversi da quelli vincolati, e quindi, discrezionali. Si tratta, è vero, di innovazione della quale la giurisprudenza non ha ancora adeguatamente approfondito la portata, ma dalla quale sarebbe arduo non far derivare un’ attenuazione del divieto di motivazione postuma).

Cons. Stato, Sez. V, 11.07.08, n. 3481  (è ammissibile la motivazione postuma che espliciti le ragioni emergenti dal provvedimento e/o dal procedimento) .

Cons. Stato, V, 09.10.2007, n. 5271 (è innegabile che il secondo periodo del  secondo comma dell’art. 21-octies della legge n. 241 del 1990 ammette la possibilità che “l’Amministrazione dimostri in giudizio che il provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato”, con implicito riferimento ad atti, almeno astrattamente, diversi da quelli vincolati, e quindi, discrezionali. Si tratta, è vero, di innovazione della quale la giurisprudenza non ha ancora adeguatamente approfondito la portata, ma dalla quale sarebbe arduo non far derivare una attenuazione del divieto di motivazione postuma).

  

sul difetto di interesse a ricorrere

Tar Puglia, Sez. II, 24.11.2006, n. 4124  La lesione dell'interesse (finale) all'attribuzione dei posti messi a concorso non è attuale, non essendosi la procedura conclusa ed il bene della vita assegnato, sicchè il ricorso è inammissiibile quanto all'impugnazione del bando per difetto di interesse ad agire.

 sulla legittimazione

Tar Puglia, Sez. II, 15 settembre 2003, n. 3341  Legittimazione del consigliere circoscrizionale ad impugnare delibere di G.M. sfornite del parere obbligatorio della Circoscrizione in materia di istituzione di zone a traffico limitato e istituzione di aree di sosta a pagamento

Edilizia e urbanistica 

contratto preliminare e permesso di costruire Cons. Stato, Sez. IV, 08.06.2007, n. 3027  La richiesta del permesso di costruire può essere avanzata anche  dal promittente acquirente del suolo edificatorio, purchè il richiedente sia facultato ad edificare in forza del contratto o abbia ottenuto  espresso consenso da parte del proprietario

Tar Puglia-Bari, Sez. II, 14 febbraio 2005, n. 546 Modifica  Il campo di calcio non è incompatibile con la zona "E"

Cons. Stato, Sez. VI, 11.05.2007, n. 2299    Il provvedimento ministeriale di annullamento del nulla-osta paesaggistico deve essere preceduto necessariamente dall’avviso del procedimento anche secondo la disciplina antecedente all’entrata in vigore del D.M. 19 giugno 2002 n.165

Elezioni

Corte di Appello di Bari, Sez. I civile, 19 settembre 2006, n. 835* Modifica Modifica  Ineleggibilità a consigliere comunale del componente del Collegio dei Revisori dei conti in carica (decisione confermata da Cass., Sez. I, 13.07.2007, n. 15678*, Rel. Dott. Ugo VITRONE)

Tar Puglia-Bari, Sez. I - Sentenza 29 ottobre 2002, n. 4717  Modalità di elezione dei consigli circoscrizionali

Concorsi

Tar Puglia-Bari, Sez. II - Sentenza 10 dicembre 2004, n. 5777 Concorso enti locali-Commissione giudicatrice-Composizione-Requisiti aggiuntivi


.